Altre Voci, Altre Stanze

altrevocialtrestanzeDelizioso romanzo breve di Capote ante A Sangue Freddo. Romanzo di formazione di un tredicenne, Joel Harrison Knox, nella provicia Americana, Altre Voci, Altre Stanze è fitto di simboli e topoi: ponti, serpenti, stanze chiuse, personaggi ambigui. Prima di Lansdale (e.g. In Fondo Alla Palude) e Stepehn King (e.g. Stand by Me) e tanti altri, Capote si immerge nel profondo sud degli Stati Uniti, un non luogo, distante dal mondo civilizzato. Il bambino abbandona i luoghi noti per perdersi nell’ignoto e diventare uomo. Altre Voci, Altre Stanze ripercorre gli elementi tipici delle favole: le prove da affrontare, la paura dell’ingnoto, il contatto con il diverso da se. Il confine tra realtà e incubo è nebuloso, decifrare l’ignoto della situazioni sconosciute è difficile, i rapporti umani diventano sfumati ed ambigui.

La scrittura di Capote è già, siamo nel 1948, asciutta e precisa ,senza sfociare nel “cronachismo” di A Sangue Freddo, senza enfasi riesce a creare un mondo sospeso tra realtà e sogno, con la stessa forza surreale di Colazione dai Tiffany (se non lo avete ancora letto: leggetelo) senza concessioni alla commedia.

Altre Voci, Altre Stanze di Truman Capote, Garzanti, collana Gli Elefanti Narrativa, p 166, 8.50 euro, 2000

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: