Anime Nere

animeNereAnime Nere Reloaded è una raccolta di racconti in bilico tra giallo e horror, scritta da ventidue autori più o meno noti, almeno nel genere.
Come in tutte le antologie c’è del buono e qualcuno non proprio eccezionale, nel complesso la qualità media dei racconti è all’altezza. Per apprezzare Anime Nere Reload bisogna essere degli amanti del genere; se vi piacciono le storie di sangue e violenza non perdetevi questo libro, altrimenti lasciate perdere. Per tutti il vero pugno nello stomaco è quel “reloaded” appiccicato; lo so è: marketing; ma a tutto c’è un limite, questo è marketing da balera periferica, midcult. Tralasciando il titolo, la silloge interamente italica, come si accennava, è riseravata a chi ama fiumi di sangue, violenza e sesso. Putroppo, almeno per i mei gusti e/o frustrazioni: poco il sesso e molto il sangue.

Ciò che accomuna tutti i racconti è l’assoluta mancanza di empatia e amore, i personaggi di Anime Nere Reloaded sono tutti mancanti di sentimenti verso il prossimo, tutti meccanicamente accecati dal “lato oscuro della forza”.
Come “spiega” Marcialis, racconto Io, il dolore: “Perché io [il dolore] ci sono da sempre, e in ogni luogo. Potrei testimoniare al banco della Storia: sono stato nel petto di ogni vittima, io, agghindato di spassionata autorità.
E ho infinite verità da narrare. Ne so più di voi, sicuro, e non accusatemi di superbia. Ricordate: solo se ci sono voi siete ancora lì, a ingannarvi di aspettative. Un consiglio, quindi: non disprezzatemi troppo.” (p. 356)

Quì si rappresenta il lato violento e feroce della società, quella che qualsiasi mezzo, di solito lo sbudellamento, giustifica i fini; obiettivi peraltro spesso oscuri.
Per chi non conosce la materia potrà balzare sulla seggiola ad ogni riga, gli altri probabilmente qualche volta avranno l’impressione di situazioni che forse cominciano ad essere steretipate. Ma questo è un po’ il limite del gore.

Al contrario di quanto lasci presagire il titolo, poche le occasione di sconfinamenti nel paranormale e nel surreale, ma ciò che è più sospetto è una certa carenza di ironia/umorismo, cioè non sempre, e non che sia una condizione necessaria, ma tra tanto sangue stupisce, almeno al sottoscritto, una certa latitanza di humour per quanto nero.

Si diceva che gli autori sono tanti, e i racconti decenti, tra quelli che ho preferito: Lucas & Toole di Matteo Curtoni, Habeas corpus di Giuseppe Genna (per quanto imperscrutabile).

Anime Nere Reloaded incorpora anche un altro testo, quello del curatore Alan D. ALtieri. Altieri in poche righe presenta scrittore e racconto; divertendosi parecchio.
Un piacevole “add on” all’antologia. Spesso brillante e accattivante, Altieri ci prende per mano e ci scaraventa in una nuova storia, con un stile molto molto rapper che mi ricorda 8 mile: “D.J. spin that shit”.

Anime Nere Reloaded Autori Vari, Mondadori collana piccola biblioteca Oscar, p 491, 10.40 euro, 2008

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: