Avvocato di Difesa

avvocatodidifesaRecensione di Alessandro Agustoni.

L’inizio è abbastanza canonico: Mickey Haller è un avvocato di medio cabottaggio di Los Angeles e difende per la maggior parte del tempo delinquenti più o meno piccoli lavorando come può con cavilli ed errori dell’accusa e della polizia. Il suo più grosso timore è che gli capiti un cliente innocente. “La difesa di un cliente innocente è la situazione più pericolosa per un avvocato. Se l’avvocato commette un errore e il cliente finisce in prigione, l’esperienza lo segna per tutta la vita”. E’ divorziato due volte e “ovviamente” è un padre un po’ assente. Finalmente gli capita il pesce grosso, un cliente ricco, accusato di violenze e tentato stupro, un caso che potrebbe garantirgli un ottimo incasso, ma… c’è sempre un ma. Come dite? Tutto già sentito? In effetti sembrano tutti gli ingredienti per il tipico legal thriller da ombrellone, genere che fra l’altro non è neanche fra i miei preferiti.

Man mano che andavo avanti con la lettura, però, ho scoperto un romanzo ricco di inventiva e di trovate, ma soprattutto mi è successa una cosa che penso sia familiare a molti lettori assidui di gialli: avete presente quando state leggendo un romanzo e ad un certo punto scatta un click per cui non vi potete più fermare, dovete assolutamente arrivare in fondo, a costo di far tardi a cena, a costo di dormire solo 4 ore la notte dopo? Ecco, per il sottoscitto Avvocato di difesa è uno di quei libri. A circa metà del libro succede qualche cosa che cambia completamente la prospettiva che l’avvocato (e noi lettori di conseguenza) ha di tutta la vicenda. Il ritmo, da compassato che è all’inizio, accelera sempre più fino ad un finale adrenalinico in cui tutto arriverà “a compimento”.

Parere finale: se vi piacciono romanzi gialli (sia nella varietà del legal thriller che in quella del giallo di azione) questo libro è consigliato (confesso di essere appassionato di Michael Connelly, quindi prendete questo mio consiglio cum grano salis). Non è, invece, un romanzo da leggere se si cerca la sfida intellettuale alla Ellery Queen: il colpevole ad un certo punto del romanzo diventa chiaro, il bello è vedere se e come i “buoni” riusciranno a sfuggirgli e a metterlo al gabbio.

Avvocato di Difesa di Michael Connelly, Piemme collana Maestr del thriller, p. 461, 6.5 euro, 2009

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this:
Disclaimer