Conoscerete la Nostra Velocità

conosceretelanostravelocitaLibro abbastanza divertente. Una specie di blog romanzato. Stile saltellante nella mente dellIo narrante, spesso parla anche da solo immaginandosi i dialoghi possibili con la gente che incontra. Vocabolario essenziale, forse giovanile, alle volte fastidioso.
Will e Hand viaggiano per elaborare un lutto, viaggiano e regalano soldi a tutti i poveri o presunti tali che incontrano. Vanno in Africa e nei paesi dellex unione sovietica, si stupiscono che anche in questi luoghi ci siano degli esseri umani, proprio come loro, anzi migliori di loro. Lo stupore degli statunitensi che si confrontano con il resto dellumanità, li guardano negli occhi e non da dietro il mirino di un fucile. Un messaggio quasi pacifista. Scoprono anche che non “all the world speak english”.
Ma dicevamo che la ragione del viaggio è la morte di un amico, deceduto in un incidente stradale. Questa è la parte più debole del racconto. Affiora la solita incapacità della narrativa statunitense, e non solo nella narrativa, di affrontare la morte, il dolore, la vecchiaia. Dave Eggers ha il merito di provarci, ma il tema dellumana caducità rimane un rumore di sottofondo, qualcosa di confuso nei pensieri di Will, quello che spesso parla da solo. Certo, Eggers colpisce al cuore il problema dellincapacità di accettare la fine dellesistenza umana, ma non resiste a holliwoodizzarne i modi. Qui non si muore e basta, si condisce il tutto con scazzottate da b movie, fosche e mai chiarite storie pseudocriminali.
Un’ultima nota sulla copertina. Ho letto ledizione tascabile, quindi, chissà per quale motivo, il romanzo è stampato in maniera canonica. Nelledizione “per ricchi”, la storia comincia sulla copertina. Questa scelta ha mosso il disgusto di tanti, mi chiedo perché. Ma chi l’ha detto che cè un solo modo di concepire la copertina? Mistero. Il testo è pure inframezzato da illustrazioni e fotografie, altro elmento che ha rischiato di provocare dei colpi apoplettici ai lettori più ortodossi. Personalmente non ho nulla contro le “figure” nei libri, in qualche modo ho apprezzato le fotografie in Molto forte, incredibilmente vicino di Safran Foer, tuttavia in questo caso non ne ho capito lutilità, le immagini non aggiungono assolutamente nulla.

Conoscerete la Nostra Velocità di Dave Eggers, Mondadori, collana Piccola Biblioteca Oscar, 399 p, 8,40 euro, 2004

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: