Il Colle Fatale

collefataleRecensione di Alessandro Agustoni

La storia narrata in questo volumetto prende avvio dal malore (seguito dalla morte) di uno dei capofila del più importante partito di
opposizione. Miretta, il cronista politico a lui “assegnato”, istigato dal direttore del suo giornale, scopre che in realtà si è trattato di un omicidio, con implicazioni per numerose forze politiche.
Ecco una (incompleta) lista dei personaggi del libro (cui non dovrebbe
essere difficile trovare una corrispondenza nel mondo reale): l’Augustolo, presidente del Consiglio dei ministri e del partito Vivalagente; il Curato, superconsigliere dell’Augustolo; l’on. Daverio Dogliotti, detto Pizzetto, capo dei Riformisti socialisti, frazione dei Federati Democratici; il sen. Dagoberto Motta, segretario nazionale del partito LiberoNord; Celestino Teneroni, segretario nazionale dei Federati Democratici; Il Mortadella, ex presidente del Consiglio

E’ un libro agile che si legge in poche, piacevoli ore, ma che alla
fine qualche riflessione la provoca, soprattutto col suo inquietante
finale a sorpresa. Un appunto (personalissimo e umilissimo) che farei all’anonimo autore riguarda lo stile; i libri che usano un registro tipo “Medico della mutua” non mi fanno impazzire; suppongo pero’ che per descrivere gli intrallazzi politici in un paese dove qualcuno narra che un golpe sia fallito “per avverse condizioni meteo” quello sia il registro giusto.
A conti fatti, anche se non rientra nei cento libri che porterei su un
isola deserta, l’ho trovato un buon libro; scorre bene e dipinge con acume il sottobosco del mondo politico romano; ha probabilmente ragione la terza di copertina che dice che l’autore è “persona informata dei fatti”.

Il Colle Fatale di Anonimo Romano, Longanesi collana La Gaja Scienza, p. 165, 13 euro, 2009

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: