Incontri Ravvicinati

Mister O barcollava alla ricerca della cerniera dei pantaloni: la serata era cominciata nel migliore dei modi, il pubblico aveva gradito i suoi racconti e le bevute a scrocco non erano mancate, ma erano state troppe. Vecchio, mezzo cieco, troppo ubriaco riesce ad aprire la patta un momento prima di mingere nei pantaloni. E mentre si svuota nel cono di luce di un lampione che non può vedere, qualcosa ferisce i suoi stanchi occhi vitrei. Mister O pensò: Non è possibile, tutta questa folgorante luce, forse sto morendo, ma non sono pronto al grande salto, ho ancora storie da raccontare” ma il pensierò si bloccò, qualcosa si muoveva in quella luce: profili di figure oscure. Mister O aveva visto e narrato le più strani creature ma quelle erano più bizzarre del Minotauro, per tutti gli dei! Quelle figure erano circondate da un frastuono assordante, il suo stanco cervello approdò all’unica conclusione logica: incontri ravvicinati del terzo tipo, creature di altri mondi, alieni.
E mentre Mister O stava lì con l’ucello in mano a guardare le creature, una delle ombre si staccò dal suolo e volò verso l’alto. All’improvviso la luce svanì e con quella anche il rumore e le lunghe figure. Tutto finito in un baleno.E tutto precipitò nella penombra della luce del lampione.
Ma rimeva quell’essere volant. Con uno schianto l’alieno cadde ai piedi di Mister O: una fila di denti gialli, una fronte ampia contornata da lunghi capelli unti. Mister O contemplava quella scarna creatura dall’alto, la vescica non resse all’emozione e un scroscio di dorato colpì il volto dell’alieno. Mister O non riusciva a bloccare il getto, l’alieno imprecava, con perfetto accento milanese, rabbiosi insulti verso di lui: l’uomo dall’inclito verso.

Torna a MetroBar Home

One comment on “Incontri Ravvicinati
  1. Pingback: Fragmenta | Mister O

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: