La Pioggia Prima che Cada

pioggiaprimachecadaPremesso che verso I romanzi di Coe ho le stesso fanatismo de la Nonna verso le epistole di M.me de Sevigné, due libri sicuramente da leggere: La Casa del Sonno e La Famiglia Winshaw.
La Pioggia Prima che Cada riprende i temi cari all’autore britannico: la famiglia seguita dalla nascita alla morte con tutte le normali stranezze, le coincidenze (che non esistono come scrisse anche Ballard in La fiera delle Atrocità), la Gran Bretagna nel bene e nel male.
La Pioggia Prima che Cada è forse il romanzo più minimalista di Coe, per i miei gusti leggermente troppo, ma riesce ad assere comunque avvicente con l’usuale tocco quasi “giallo”. La struttura è particolare, ritorna un altro tema caro all’autore: lo sguardo. Tuttavia qui ci sono un paio di artifici letterari interessanti. Il tutto si basa sul racconto di una vecchia zia morta. Prima di schiattare la donna incide dei nastri in cui narra episodi salienti della sua esistenza e di quella dei familiari. Notare che si passa dalla scrittura al nastro quindi alla voce, ovviamente il tutto rimane sulla pagina scritta. Tutto perché i nastri sono destinati ad una ragazza non vedente alla quale vengono descritte venti fotografie. Venti momenti che segnano la vita dei personaggi.
Insomma il cerchio si chiude, la scrittura come unico modo per “vedere” e “leggere” il mondo, la vita e tutto il resto. Coe avrebbe potuto scegliere la scorciatoia, abbastanza di moda alla Safran Foer e Eggers, di includere le foto nel testo. Ma lo scopo è mostrare immagini ai non vedenti, raccontare a chi non vede, perché non può o non vuole. Per quanto sia ovvio, è anche un ottimo suggerimento per gli aspiranti scrittori, come del resto accade in Moon Palace di Auster.

La Pioggia Prima Che Cada di Jonathan Coe, Feltrinelli, collana I narratori, p. 222, 16 Euro, 2007

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: