La Sceneggiatura

sceneggiaturaProbabilmente, a ragione, il più osannato e celebrato manuale di sceneggiatura, scritto dal guru della materia: Syd Field
Effettivamente è uno dei pochi libri leggibili sull’argomento. E’ abbastanza pragmatico da non perdersi in considerazioni sulla vita, la morte e tutto il resto.
Le verità del guru risultano spesso di una banalità sconcertante, probabilmente le lezioni di scrittura della vostra maestra in terza elementare erano più profonde.
Tuttavia Syd ha ragione, straordinariamente il 98% delle persone che scrivono sceneggiature, ma anche romanzi, anche a livello professionale, dimenticano le regolette elementari:

  • Ci vuole uno straccio di idea
  • Le storie devono avere un inizio, una fine.
  • Lo sviluppo della storia deve essere coerente con l’inzio e portare logicamente alla fine

Infine, le storie devono avere un argomento di cui parlare: il paradigma. La faccenda del paradigma è il reale punto forte della teoria di Field e può essere declinata nelle interpretazioni più audaci. Per cui il paradigma può essere estremamente nascosto dalla banalità della storia narrata, ci viene mostrato qualcosa ma si sta parlando d’altro.
L’altro punto fondamentale, su cui si basa praticamente la totalità della produzione cinematografica statunitense, è la struttura in tre atti, che potremmo riassumere in: tesi, antitesi e sintesi. I più astuti avranno notato un eco di altri pensatori.
Seguite le istruzioni di Field e otterrete un film perfetto. Non a caso i film, specialmente quelli Usa, ormai sono tutti uguali.

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: