Le Falene Assassinate e Altri Delitti

Recensione di Fabio Caramia.

E’ con non poca invidia che immagino un ascoltatore degli anni Trenta e Quaranta seduto comodamente in poltrona, con le luci soffuse, mentre si lascia sedurre dalle storie di suspense e di ingegnosi crimini scritte da Ellery Queen, John Dickson Carr e Cornell Woolrich per la radio. Oggi per fortuna l’immaginazione viene supportata dalla carta stampata, un bicchiere mezzo vuoto, per così dire, ma che mezzo bicchiere! Nel 1989 gli Oscar Mondatori fecero cosa gradita agli amanti del giallo classico, pubblicando una piccola antologia di radiodrammi in cui i tre più grandi scrittori dell’età d’oro della narrativa poliziesca ci estasiavano con alcune splendide sceneggiature realizzate per programmi radiofonici ormai mitici come Suspense e The Advetures of Ellery Queen, tra le quali spiccavano
La Cabina B-13 di Carr, La sveglia di Woolrich e La scomparsa di James Phillimore di Queen.
Poi i Classici del giallo Mondatori ci hanno regalato nel 1997 le più avvincenti sceneggiature scritte da Carr appositamente per la radio nella preziosa antologia I morti hanno il sonno leggero e ora è la volta di Ellery Queen con questa splendida antologia di radiogialli, quasi totalmente di inediti. Queen spazia dall’enigma deduttivo al delitto impossibile e alla suspense con grande ingegno e mestiere da fino artigiano del giallo. Ne L’Avventura del Club dell’Ultimo Uomo, Ellery e la sua fedele segretaria Nikki Porter assistono a un incidente mortale a opera di un pirata della strada e sono spinti dalle ultime parole della vittima a occuparsi di un club – cui apparteneva anche
il defunto – dove i membri superstiti, dopo un certo periodo di tempo, dovrebbero spartirsi una bella sommetta. In L’Avventura della Grotta infestata Ellery deve risolvere il mistero dello strangolamento in una caverna-chiusa-dall’interno di un cosiddetto investigatore psichico. In L’avventura della bambina scomparsa Ellery e Nikki sono i testimoni impotenti di un rapimento in una storia che coniuga la detection più rigorosa con un senso di suspence crescente e di cupo terrore. La scomparsa di James Phillimore di Queen è forse il suo radiodramma più riuscito. Costretto a letto dall’influenza, Ellery risolve brillantemente il caso di una sparizione impossibile. Ma non sono da dimenticare altri gioiellini come L’uomo che raddoppiava i diamanti e Il bambino cattivo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: