L’Orco In Canonica

orcocanonicaUn libro che si legge d’un fiato L’orco in canonica di Paolo Cendon. Non è propriamente un romanzo, ma neppure un saggio o la cronaca di un evento. Carambola tra queste tre sponde suscitando interesse più per il contenuto che per la forma. “Prende” un po’ come “prendono” certi episodi di serial made in Usa. Per certi versi è un pugno nello stomaco al lettore. Cosa rara per gran parte degli scritti degli scrittori italiani, attenti a compiacere sé stessi. Un giovane prete colto e pedofilo, una bambina vittima, una famiglia di “sani”, ma limitati principi, un ambiente retrivo di sfondo, una giustizia ondivaga e tutte le falsità di una chiesa ipocrita, capace ancora di abbindolare i credenti con false speranze, spalleggiata da un Vaticano ritroso fin quasi alla complicità nel condannare i suoi “orchi”. Questi gli ingredienti del racconto. Nel romanzo però non si percepisce alcuna condanna della religione in sé. C’è soltanto la pena esistenziale di una bimba costretta a diventar donna troppo in fretta dalle violenze subite che impiegherà lunga parte della sua vita a ritrovare sé stessa, grazie anche ad alcuni incontri “fortunati” e a una sentenza, in ultima istanza, a lei favorevole, che lascia comunque con l’amaro in bocca.

L’orco in canonica di Paolo Cendon, Marsilio, pp 306, 15€, 2016

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this:
Disclaimer