Luminal

luminalLuminal è la storia di un droga e di un paio di barbie girl, bellissime e plasticose, che vivono nelle notti mitologiche di capitali europee, Zurigo, Berlino, Amsterdam. C’è del gran sesso e tentativi di voli poetici.
Basta dare un’occhiata su internet e non solo per scoprire quanto i romanzi della Santacroce siano stati stroncati, criticati per stile e contenuti. Opinioni forse condivisibili. Tuttavia Luminal, gli altri non so perché non li ho letti, lo salveri. Provate a leggerlo come un raro esempio di humor nero italico e forse vi apparirà sotto una luce diversa. Luminal è un racconto lungo infarcito delle solite cose giovanili: discoteche, sesso, droga, maschi, femmine e cantanti. Ma qui la storia è avulsa da uno spazio tempo preciso, gli stereotipo sulle città noridche sono calati in un non tempo. Tutto è plastificato, cromato come i pattini su cui volano del due incorporee protagoniste, eterei angeli del sesso. Luoghi comuni berlinesi alla Cristian F. vengono lucidati e resi meccanici come negli insensati film pornografici. Gli anni novanti rivisti come la copia glamour dei settanta. Sesso e bellezza fini a se stessi. Anacronisticamente le barbie fumano Gitane e ascoltano Bowie, tutto come stanca ripetizione di un mondo di cui è rimasta la patinata trasgressione da settimanle di moda, ma ha perso la carica umana e rivoluzionaria: benvenuto nel terzo millennio.
Con una struttura che ricorda in qualche modo eccetera, Damian rivela un passato normale, affetti, infanzia e famiglia, nei quali già si annida la scandalosa vita nascosta della madre.

Luminal di Isabella Santacroce, Feltrinelli collana Universale Economica, p. 104, 7 euro, 2002

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: