Mr. Gwyn

mrgwynMr. Gwyn di Alessandro Baricco narra la vicenda di uno scrittore di mezza età deluso dalla vita e forse anche dal suo stesso mestiere. Lo scrittore Gwyn decide di smettere di scrivere romanzi, ne aveva scritti solo tre di medio successo, per dedicarsi a ritrarre le persone non con tela e pennello ma per mezzo di brevi racconti.
L’idea di Baricco è interessante, la lettura piacevole, qualche personaggio particolarmente divertente: l’editore e il costrutture di lampadine, ad esempio. Mr. Gwyn è nella sostanza un romanzo, breve, metaletterario: romanzo che parla di come si scrivono le storie. Di per se, de gustibus, trovo sempre questo tipo di narrazioni abbastanza stucchevoli, tuttavia Baricco riesce a renderla interessante creando un’atmosfera sospesa tra il mistico e il magico pur non inserendo nessun elemento mistico o magico. Tra lampadine artigianali dalle proprietà fantascientifiche e modelli nudi nel loft deserto, tutto assume una vaga connotazione glamour.
La storia è ambientata a Londra. Questo punto mi lascia piuttosto perplesso. Certo, dire Londra è più suggestivo che dire Casalpusterlengo, tuttavia in questo caso l’ambientazione londinese è del tutto gratuita: la storia potrebbe svolgersi in qualsiasi città del globo. In Mr. Gwyn Londra è solo un nome, non c’è mai un solo accenno alla città reale, tutto viene demandato al lettore che o ci è stato o l’ha vista in televisione. In sostanza Baricco non fornisce un suo punto di vista sulla città e la vicenda narrata è indipendente dalla città stessa.
Nel complesso una lettura piacevole che forse si dimentica in fretta.

Mr. Gwyn di Alessandro Baricco, Feltrinelli, p.158, 14 euro.

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d bloggers like this: